Relooking vs Restyling.

Nel mondo dell’architettura e del design degli interni, i termini relooking e restyling rappresentano due approcci distinti ma complementari per la trasformazione degli spazi. Entrambi mirano a migliorare l’aspetto e la funzionalità di un ambiente, ma lo fanno con gradi diversi di intervento e intenzioni. In questo articolo, esploreremo le differenze tra relooking e restyling in architettura, illustrando come e quando applicarli per ottenere i migliori risultati.

Indice
    Add a header to begin generating the table of contents

    Relooking: Una Trasformazione Completa

    Relooking si riferisce a una trasformazione sostanziale di uno spazio. Questo processo va oltre la semplice modifica estetica, coinvolgendo spesso cambiamenti significativi che possono includere la riorganizzazione della disposizione, l’introduzione di nuovi materiali e la modifica delle strutture esistenti. L’obiettivo del relooking è di dare una nuova vita a uno spazio, rendendolo più funzionale, moderno e in linea con le esigenze attuali.

    Caratteristiche del Relooking:

    1. Riorganizzazione degli Spazi: Può implicare la modifica della disposizione delle stanze, l’abbattimento di pareti per creare open space o la costruzione di nuovi elementi strutturali.
    2. Materiali e Finiture: Introduzione di nuovi materiali come legno, vetro, metalli o finiture moderne per dare un aspetto fresco e contemporaneo.
    3. Impianti e Tecnologie: Aggiornamento degli impianti elettrici, idraulici e di riscaldamento per migliorare l’efficienza energetica e la funzionalità complessiva.
    4. Design Coerente: Creazione di un tema o di uno stile architettonico coerente che unisce estetica e funzionalità.

    Restyling: Migliorare l’Esistente

    Restyling si concentra sull’aggiornamento e il miglioramento dell’aspetto attuale di uno spazio senza apportare modifiche strutturali importanti. Questo approccio è ideale quando si desidera mantenere la struttura e il layout di base, ma si vuole dare un tocco fresco e aggiornato.

    Caratteristiche del Restyling:

    1. Aggiornamento dell’Arredo: Sostituzione o riposizionamento dei mobili esistenti per creare un nuovo look. Questo può includere l’acquisto di nuovi pezzi o il restauro di quelli vecchi.
    2. Decorazioni e Accessori: Aggiunta di elementi decorativi come quadri, tappeti, cuscini e piante per ravvivare lo spazio.
    3. Colori e Texture: Riverniciatura delle pareti, cambio dei tessuti come tende e cuscini, o introduzione di nuovi elementi di texture per arricchire l’ambiente.
    4. Illuminazione: Aggiornamento delle fonti di luce per migliorare l’atmosfera e la funzionalità dello spazio, come l’installazione di nuove lampade o l’adozione di soluzioni di illuminazione più efficienti.

    Esempi di Restyling

    1. Soggiorno

      • Prima: Un soggiorno con arredi datati, colori neutri e poca personalità.
      • Intervento: Aggiornamento del colore delle pareti con tinte vivaci, aggiunta di nuovi cuscini e tende colorate, introduzione di un tappeto moderno e lampade di design.
      • Risultato: Un ambiente rinnovato, più accogliente e moderno, senza interventi strutturali.
    2. Camera da Letto

      • Prima: Una camera da letto con mobili scuri e tessuti pesanti.
      • Intervento: Sostituzione delle tende con tessuti leggeri, cambio del copriletto e dei cuscini, introduzione di nuove lampade da comodino e piccoli accessori decorativi.
      • Risultato: Una stanza più luminosa e ariosa, perfetta per il relax.

    Esempi di Relooking

    1. Cucina

      • Prima: Una cucina degli anni ’80 con layout chiuso, elettrodomestici vecchi e poca funzionalità.
      • Intervento: Demolizione di una parete per creare un open space, installazione di nuovi armadi moderni, aggiornamento degli elettrodomestici, introduzione di un’isola centrale.
      • Risultato: Una cucina contemporanea, funzionale e aperta, adatta per cucinare e socializzare.
    2. Bagno

      • Prima: Un bagno piccolo e obsoleto con piastrelle datate e sanitari ingombranti.
      • Intervento: Rimozione delle piastrelle vecchie, installazione di una doccia walk-in, sostituzione dei sanitari con modelli più compatti e efficienti, aggiunta di un lavabo sospeso.
      • Risultato: Un bagno moderno e spazioso, con una migliore distribuzione degli elementi e un design aggiornato.

    Conclusione

    Gli esempi pratici di restyling e relooking mostrano come entrambi gli approcci possano trasformare gli spazi in modi diversi. Il restyling si concentra su aggiornamenti estetici e funzionali leggeri, mentre il relooking comporta cambiamenti strutturali più profondi e completi. Scegliere l’approccio giusto dipende dalle esigenze specifiche e dagli obiettivi di rinnovamento.

    Carrello
    Torna in alto